Socialisti ed elezioni europee

  • PDF

In questi giorni mi capita di leggere o sentire cose assurde.

Gente che non vota, che va al mare, che mai per quel partito. Gente che vota altri partiti, perché "sono di sinistra, ma voto a destra perché questa sinistra non mi rappresenta", ecc.

Facciamo un po' di chiarezza.

Si vota per le elezioni europee? Sì.

In Europa esiste il PSE che è il Partito del Socialismo Europeo? Sì.

Il PSE, pensando che questa Europa, governata sino ad ora dalle destre, dovesse cambiare ha presentato un programma e un proprio candidato? Sì.

Questo candidato è Martin Schulz? Sì

In Italia c'è una lista che concorrerà a quello che, ci auspichiamo, sarà il successo dei socialisti europei e della candidatura di Schulz? Sì.

Se siamo autenticamente socialisti, non possiamo che sostenere fortemente, votare e far votare tale lista. Scegliendo, visto che le elezioni europee ce lo consentono, i candidati al suo interno che meglio ci rappresentano.

Tante polemiche e tanti attegiamenti, non solo sono sterili, ma anche controproducenti. Rischiano di portare alla vittoria di populismi e destre e alla sconfitta dei socialisti e del loro tentativo di cambiare l'Europa.

Spesso, sia in passato che, più recentemente, con l'adesione al PSE, si è accusato il PD di essere socialista solo in Europa e non in Italia. Sarebbe grave che i compagni socialisti italiani commettessero l'errore inverso, essere socialisti in Italia e non in Europa.

Pier