La vera idiozia delle due sinistre

  • PDF

Una volta tanto, sono d'accodo con Massimo D'Alema che, ieri, in un intervista su Repubblica a margine del congresso CGIL, ha affermato che l'idea di una sinistra alternativa, come indirizzo da quanto emerso al congresso del sindacato, sarebbe una vera idiozia.

La sinistra italiana, negli ultimi vent'anni, e anche prima, è sempre caduta nella trappola, prospettata dalla destra, delle due sinistre, quella di governo, "buona", riformatrice e quella alternativa, "cattiva", d'opposizione e comunista. E spesso a questa visione si è anche concretamente adeguata.

Risultato?

La sinistra di governo non ha mai governato e la sinistra alternativa si è ridotta a lumicino sino quasi a spegnersi.

I pochi momenti in cui la sinistra ha vinto, o è stata vicina a vincere, come recentemente con il progetto Italia Bene Comune (non vincente per una pessima legge elettorale e per una ancora peggiore campagna elettorale), è stato quando la sinistra si è presentata unità.

La riproposizione, ancora una volta, di questa divisione è autentica follia.

Ancora di più, lo è sul piano europeo, dove si giocano, concretamente, le possibilità di trovare soluzione alla crisi e di cambiare verso ad una visione dell'Europa che, fino ad ora, è stata dominata dalle destre.

Pier