Forti turbamentu

  • PDF

Bedda d'annurvari
di mènnula duci
è la to peddi
e l'occhi to'
su' daccussì nzunzati di celu
ca ogni stidda si ci adduma
ppi fari ciammi!
Li to' minnuzzi,
comu granati culurati,
prufumunu di primavera
e ddi cianchi to'
su' daccussì fini
e dilicati
ca trascinanu unni ogni omu
spinna
e non lammica,
nta ddi puma rosa
trucchiaruti
fatti di meli
e di vinu scarlatu
ca ju,
senza nuddu annariamentu,
vogghiu tèniri ora
stritti a li me' manu
dintra a sta pircantata essenzia
sintimintusa
e nta stu forti
e annigghiatu turbamentu!

Alessio Patti