Più sudditi dei sudditi

  • PDF

Questa mattina, ho accompagnato una persona che mi è molto cara ad una visita medico legale per l'accertamento dei requisiti per l'invalidità civile.

L'appuntamento era per le ore 8 e 30 presso il Centro Medico Legale dell'INPS, qui a Milano.

Si arriva e c'è già una lunga fila di persone che necessitano accedere agli uffici; per fortuna, notiamo che il Centro Medico Legale ha un accesso diverso dagli altri uffici, ma anche qui c'è già una piccola fila di persone perchè, NATURALMENTE (sic), l'appuntamento è per tutti uguale: le 8.30, ora di apertura degli uffici.

Arrivano le 8.30, passano, e l'ingresso non viene aperto...

Sulla porta è esposto un cartello che dice "Nei giorni di lunedì, martedì e giovedì POMERIGGIO, per accedere, servirsi dell'ingresso principale" (o qualcosa di simile).

Siamo di martedì MATTINA, quindi...

Visto che l'altro ingresso è già stato aperto, qualcuno si avventura di lì e così scopriamo che l'UNICO ingresso (MATTINO, POMERIGGIO e SERA, LUNEDI', MARTEDI' e GIOVEDI' e TUTTI i giorni della settimana) è quello.

Entrati, una guardia giurata, non prorio cortese (ma ammettiamo che forse non dovrebbe essere il suo lavoro), che funge anche da informazioni (sic), ci indirizza dall'altra parte, dove IN TEORIA vi sarebbe l'altro l'ingresso, ma dai corridoi.

Arrivati dove dovevamo arrivare, ci affacciamo ad uno sportello la cui targhetta recita "Commissione medico legale ecc. ecc.", ma qui ci dicono che dobbiamo andare presso altro sportello, nella zona di prima, dove è indicato "Invalidità civili".

Arrivati lì, e con noi ci sono diversi anziani e persone con difficoltà motorie, dobbiamo munirci di apposito numerino (come dal salumiere) e accomodarci su 4, diconsi Q-U-A-T-T-R-O sedie.

Siamo almeno una dozzina, visto che chi arriva lì spesso (per non dire sempre) è anche accompagnato, quindi...

Arrivato il nostro turno, prendono il documento della persona che deve essere visitata, lo fotocopiano e ci mandano allo sportello "Commissione medico legale ecc. ecc."

QUELLO DI PRIMA!!! Quello dove ci avevano detto che: "no, dovete andare allo sportello Invalidità civili".

Tralascio, per pietà e dignità, di parlare della visita medico legale, dico solo che insieme a noi c'erano una giovane con evidenti problemi psichici e, per di più, in carrozzina, una signora altrettanto non in grado di deambulare, una persona affetta da sindrome down.

Ora, sicuramente, mi si dirà che è tempo di vacche magre e non ci sono più i soldi (per le banche e la FIAT però sì), che ci sono molti che fanno i furbi (ma chi lo permette? non ci sono, appunto, queste commissioni mediche a vigilare? perchè ciechi che hanno la patente e guidano l'auto riescono a superare il vaglio di tali commissioni? è un po' come con l'evasione, visto che ci sono gli evasori e non riusciamo a trovarli, aumentiamo le tasse a tutti...), ecc. ecc.

Tutto vero.

Ma. a parte le obiezioni riportate sopra, non si potrebbe fare alcuni semplici cose:

  • gestire appuntamenti veri, scaglionando le persone e non invitandole a presentarsi tutte alla stessa ora;
  • avere REALMENTE spazi diversi (non servono sedi diverse, bastano degli spazi separati) che garantiscano a queste persone un minimo di comodità e privacy
  • capire che chi è affetto da sindrome down, oppure è in carrozzella da 30 anni su 40 della sua vita, o chi ha avuto un'encefalite a 16 mesi con danni cerebrali, può essere sottoposto a tutte le visite periodiche di questo mondo ma, a meno di un miracolo a Lourdes (ma io sono MOLTO laico...), difficilmente potrà non essere più disabile (perchè ho sentito anche questa domanda - rivolta a chi stava in carrozzella da decenni - "ah, è ancora disabile?")

Se ne guadagnerebbe in efficienza e, probabilmente si diminuirebbero anche costi e sprechi, con buona pace per Brunetta e la pubblica amministrazione efficiente e sorridente e per Berlusconi e il suo governo del fare..

Soprattutto, persone che ne hanno davvero bisogno, verrebbero trattate con un minimo di dignità, un po' meno da sudditi e un po' più da esseri umani.

Pier