Vent'anni di governo Monti

  • PDF

La Camera ha ratificato ieri, in via definitiva e con il voto favorevole del PD, compresa la tanto mitizzata sinistra interna, il fiscal compact.

Significa che, dovendo ridurre progressivamente il debito, sarà necessario un taglio del bilancio del 3%, pari ad una manovra annua di circa 50 miliardi. Per VENT'ANNI!

Significa che siamo in una gabbia, e, chiunque vinca le elezioni, fosse anche la sinistra, si dovrà affidare ad un governo che imponga continuamente manovre draconiane, lacrime e sangue.

Significa che, per vent'anni, ci dovremo affidare ad un governo Monti.

L'inica possibile, ma improbabile, soluzione diversa, potrebbe essere una forte patrimoniale che riduca drasticamente il debito. Dico improbabile, perchè certamente non sarà un governo Monti, fortemente condizionato da banche, finanza, poteri forti, destra e centro, a farla.

Il governo Monti una patrimoniale l'ha già fatta, con l'IMU. Una patrimoniale che, però, colpisce tutti e non chi più ha. In tal senso, Monti e il suo governo hanno fatto propria l'indicazione di Petrolini: «Bisogna prendere il denaro dove si trova: presso i poveri. Hanno poco, ma sono in tanti.»

E comunque, anche fosse, non è detto che sarebbe risolutivo, perchè rimane la questione di una moneta che non è tale, non essendo moneta di alcuno stato sovrano, e che noi, al pari di qualsiasi altra merce, dobbiamo procurarci sul mercato per pagare il nostro debito.

Come si sa, la più elementare legge del mercato è che se aumenta la domanda, conseguentemente, aumenta il prezzo della merce. Quindi, altro debito.

Prepariamoci a vent'anni di governo Monti, ciò a cui, per altro, già PD, PdL e UDC stavano e stanno lavarando già a partire dal prossimo 2013.

Auguri Italia! E auguri popolo italiano!

Pier

Se il popolo... se il popolo si sveglia all'improvviso...

«Buonanotte, popolo!»

Leonida Montanari, carbonaro, prima di morire decapitato per lesa maestà a Roma il 23 novembre 1825.

Si era dichiarato «innocente, framassone e impenitente».