Il Postprandiale

  • PDF

L'abbiocco del dopo pranzo genera mostri.

Oggi, portafoglio di carne ripieno ("come il cordon bleu, ma a modo mio", mi è stato detto...) con fagiolini (in Lombardia li chiamiamo cornetti) e fagioli con cipolle. Non chiedetemi il perché di questi due contorni, così erano e così li ho presi. Bicchiere di rosso.

Considerazioni su Je suis Charlie.

- Oh, hai visto cos'hanno fatto??? E' una vergogna!!! Integralisti maletti!!! Je suis Chalie!!!

- Anch'io Je suis Charlie!!!

- Anch'io!!!

- Anch'io!

Bene! Mi fa piacere che condividiamo queste importanti battaglie di pensiero. Che vanno al di là dell'attentato stesso. Mi fa piacere soprattutto per te che sei un cattolico rigoroso. Perché Charlie Hebdo non la mandava a dire a nessuno, neppure ai cattolici. Hai vsito queste vignette sui Gesù e il Papa?

Aahhggg!!! Che vergogna!!! Ma questi sono dei bestemmiatori!!! Andrebbero chiusi immediatamente!!! Je ne suis pas Charlie!!!

Be', vedo che almeno tu che sei ebreo, continui a condividere. Perché, anche con gli ebrei... Hai visto queste vignette sui rabbini?

Aahhggg!!! Che vergogna!!! Via, via!!! Questi ce l'hanno con Israele!!! Ci vorrebbe la censura!!! Altroché!!! Je ne suis pas Charlie!!!

Vabbè... sei rimasto almeno tu che sei di sinistra, come me. Anche se Charlie criticava spesso anche la sinistra, socialisti e comunisti francesi. Ha visto queste vignette?

Aahhggg!!! Che schifo!!! Questi sono fascisti!!! Via!!! Je ne suis pas Charlie!!!

Boh... mi sa che Je suis Charlie, sono rimasto solo io...

dopo pranzo del 14 gennaio 2015, n. 22


Se la libertà di stampa significa qualcosa, significa il diritto di dire alla gente ciò che non vuol sentirsi dire.
George Orwell