Musulmani tibetani

  • PDF

Abbiamo già parlato del problema etnico-religioso tibetano. Forse però pochi conoscono una realtà ancora oggi sconosciuta ai più, quella dei tibetani di fede musulmana. Doppiamente minoritari, così potremmo definirli. Una realtà piuttosto infinitesimale, come riconosce Federico De Renzi, esperto di Geopolitica e collaboratore di Limes...

Sono in effetti poche migliaia. Ma non è una realtà facile da mettere a fuoco, perchè, molto spesso, in Cina vengono identificati non come tibetani musulmani, ma come "hui", musulmani tout court, in mandarino. Inoltre, loro stessi non sembrano troppo preoccupati di rafforzare la loro riconoscibilità. L'islamizzazione di questi gruppi di tibetani risale comunque, probabilmente, a cavallo tra il XIV e il XV secolo, all'epoca dell'Impero Mongolo, e fu opera di mercanti, iraniani o turchi.

Dunque, molto posteriore alla conquista araba dell'Asia Centrale...

Assolutamente sì. E' stato un fenomeno che non a caso si è verificato dopo le conquiste di Gengis Khan, quando maggiori erano gli scambi ecnomici e dunque di idee tra i popoli soggetti ai mongoli.

Ad ogni modo, appaiono doppiamente minoritari, per così dire!

Ma non sono certo malvisti dai tibetani buddhisti. Solo che sono talmente pochi che non hanno mai potuto rivendicare i loro diritti. Non hanno mai avuto un peso politico.

Ma dove li incontriamo?

Per lo più a Lahsa. Nella capitale tibetana ci sono due moschee, una dei tibetani islamizzati, l'altra dei cinesi hui, musulmani. Da notare che la seconda moschea non è frequentata dai tibetani musulmani, a causa di differenti usi e costumi. Tanto per rendere l'idea, i musulmani locali in Tibet sono come camuffati, per non dire nascosti. E' impossibile, dall'esterno, dire se una casa appartiene ad un tibetano "comune" o ad uno musulmano. La differenza si vede solo all'interno, dato che non ci sono immagini del Buddha o le bandierine...manca il tipico folklore!

Sono sunniti o sciiti?

Sunniti, di scuola hanafita, la piu' diffusa in Asia Centrale, ma delle loro pratiche si sa ancora poco...

Fabrizio Noli

Il Mondo di Annibale