Incostituzionale la proposta di legge contro ogni discriminazione

  • PDF

GAYCS – dipartimento LGBT di AICS – alla luce di quanto accaduto durante l'Assemblea di Montecitorio per l'approvazione della legge contro l'omofobia, esprime forte sdegno e incredulità alla lettura dei risultati delle votazioni alla Camera. Incostituzionale per i 293 "si" che hanno votato a favore dei pregiudiziali della norma; la proposta di legge contro ogni discriminazione subisce un ulteriore, incivile colpo basso.

"Indubbiamente questo è un gigantesco passo indietro che relega l'Italia all'ultimo posto in Europa per quanto riguarda i diritti civili. Nonostante l'esponenziale aumento di episodi violenti e attacchi premeditati contro la comunità LGBT, la Camera ha perso un'occasione clamorosa di imporre un argine a questa deriva sociale e culturale". E' quanto dichiara il coordinatore nazionale di GAYCS Adriano Bartolucci Proietti. "Un faticoso dialogo tra Istituzione e Associazioni – continua - che, nonostante i buoni propositi e le tante parole di interesse da parte del Governo, non trova poi sbocchi concreti".

GAYCS, in prima linea nella lotta alla discriminazione sessuale e di genere, conferma il disagio nell'apprendere che la politica italiana è ancora immobile su vecchi retaggi culturali e stenta ad imporsi come massima espressione di socialità e convivenza nella realtà Europea.

Il Coordinatore Nazionale

Adriano Bartolucci Proietti

www.gaycs.it