Risposta

  • PDF

Dici:
per noi va male. Il buio
cresce. Le forze scemano.
Dopo che si è lavorato tanti anni
noi siamo ora in una condizione
più difficile di quando
si era appena cominciato.

Leggi tutto...

Videofono

  • PDF

Siamo nel 1962. Tre ingegneri della compagnia telefonica americana At&t, J.H. Felker, C.M. Mapes e H.M. Boettinger, azzardano delle previsioni nel corso di un'intervista alla Cbs. Verso il 2000 "i giornali del mattino saranno diffusi direttamente in facsimile attraverso la rete telefonica. Fatta la colazione e letto il giornale telefotografico", l'uomo d'affari potrà decidere di restare a casa. Grazie al "videofono" si metterà in contatto con l'ufficio o convocherà una conferenza con i soci in differenti località. La moglie "potrà ricorrere al servizio telefonico per evitare le faticose maratone nei negozi" e con il videofono sceglierà e ordinerà la merce.

Leggi tutto...

Giornata

  • PDF

Svegliandosi alle otto di mattina di un giorno di aprile del 2000, un ragazzo di venticinque anni non spegnerebbe la sveglia del suo smartphone poggiato in carica sul comodino. Non controllerebbe su WhatsApp i nuovi messaggi. Non darebbe un'occhiata a Twitter e a Facebook per sapere cos'hanno fatto gli amici la sera prima. Non scaricherebbe il nuovo numero della sua rivista preferita per sapere cosa c'è in copertina.

Una volta uscito di casa, non si collegherebbe al wifi di un bar per far vedere a un amico il video di un gruppo inglese scoperto su YouTube. Non cercherebbe su Google Maps la strada più rapida per andare a un appuntamento di lavoro. In bicicletta, non ascolterebbe la musica sull'iPod. Non fotograferebbe un incredibile arcobaleno con lo smartphone. Non metterebbe online le foto appena fatte.

Leggi tutto...

Specchio

  • PDF

A Roma circolano 978 veicoli ogni mille abitanti, compresi i neonati e gli ultraottantacinquenni (398 ogni mille a Londra, 415 a Parigi). A Roma ci sono 41,5 chilometri di metropolitana (200 a Parigi, 460 a Londra, 220 a Città del Messico, 55 ad Atene, 70 a Bucarest; 84 a Milano, con una superficie sette volte inferiore e metà della popolazione; 30 a Napoli, con una superficie undici volte inferiore e una volta e mezzo meno abitanti).

A Roma sono stati completati 52mila nuovi alloggi tra il 2003 e il 2007, anche se ci sono 250mila alloggi vuoti. A Roma si stima che circa il 20 per cento di tutto l'edificato sia abusivo. E, sempre a Roma, negli ultimi vent'anni 343mila persone hanno lasciato la città per andare a vivere in provincia, dove il costo medio di un alloggio è del 43 per cento più basso. La casa editrice Laterza ha appena pubblicato un libro che potrebbe essere utile a tutti i candidati alla poltrona di sindaco della capitale.

Leggi tutto...

Schizzi

  • PDF

Beppe Grillo ha scritto che da mesi "orde di troll" invadono il suo blog con migliaia di commenti al giorno: "Qualcuno li paga", ha detto.

Grillo divide questi commenti, che definisce "schizzi di merda", in alcune grandi categorie. Gli "appellanti", che chiedono al Movimento 5 stelle di appoggiare un governo Bersani. I "divisori", che invitano Grillo a non dare più ascolto a Casaleggio. Gli "ex", cioè elettori che hanno votato per Grillo ma che ora hanno dei dubbi. Gli "accusatori", che chiedono più trasparenza sui conti del movimento. E infine i "critici di giornata", che "arrivano in massa come le locuste" e che criticano qualunque cosa Grillo abbia detto o fatto.

Leggi tutto...

Energie

  • PDF

"L'austerità non è oggi un mero strumento di politica economica cui si debba ricorrere per superare una difficoltà temporanea, congiunturale, per poter consentire la ripresa e il ripristino dei vecchi meccanismi economici e sociali. Questo è il modo con cui l'austerità viene concepita e presentata dai gruppi dominanti e dalle forze politiche conservatrici. Ma non è così per noi.

Per noi l'austerità è il mezzo per contrastare alle radici e porre le basi del superamento di un sistema che è entrato in una crisi strutturale e di fondo, non congiunturale, di quel sistema i cui caratteri distintivi sono lo spreco e lo sperpero, l'esaltazione di particolarismi e dell'individualismo più sfrenati, del consumismo più dissennato. L'austerità significa rigore, efficienza, serietà, e significa giustizia; cioè il contrario di tutto ciò che abbiamo conosciuto e pagato finora, e che ci ha portato alla crisi gravissima i cui guasti si accumulano da anni e che oggi si manifesta in Italia in tutta la sua drammatica portata. (...)

Leggi tutto...